Phygital

Phygital è una parola chiave del marketing che indica semplicemente un impasto di esperienze digitali e fisiche.

Il termine deriva dall’unione di physical e digital. Farà storcere il naso ma è un’ottima occasione per esplorare alcuni concetti, trend e buone abitudini per i negozi e per tutte le attività che hanno bisogno di migliorare l’esperienza cliente (customer experience).

IKEA Place esemplifica chiaramente di cosa parliamo quando parliamo di Phygital. Sì, ho appena citato Carver.

Grazie alla realtà aumentata IKEA permette al cliente di verificare come starà in casa propria un divano, un armadio o qualsiasi altro oggetto prima di acquistarlo. Colmando il divario tra mondo digitale e fisico l’azienda permette al cliente di togliersi un dubbio con reciproca soddisfazione. Pensate a come sarebbe più macchinoso per entrambe le parti un acquisto online sbagliato con conseguente reso.

Ma una piccola azienda come può creare una miscela di digitale e fisico senza il budget di IKEA? Vi do due semplici suggerimenti.

  1. Mettetevi nei panni del cliente digitalizzato, navigatore del web e utilizzatore affezionato degli smartphone per capirne le necessità.
    Esempio: se avete un negozio sappiate che magari il cliente cercherà online se siete aperti. Aggiornate i vostri orari su Google My Business e su tutti i canali social che utilizzate per evitare che, nel dubbio, si rivolga ad altri.
  2. Se decidete di essere social fatelo con professionalità da grandi brand.
    Esempio: ricordate che le persone quando si rivolgono alle aziende trattano le app di messaggistica al pari di un servizio clienti. Sfruttatele per garantire un’esperienza multicanale soddisfacente, per stimolare il coinvolgimento o per offrire dei servizi aggiuntivi.

Ma ciò che penso essere più importante per le aziende di ogni dimensione è di non focalizzarsi sulla tecnologia ma sulla customer experience. L’impasto tra innovazione e tradizione sarà perfetto se verrà creato avendo come obiettivo la creazione di un percorso soddisfacente per le abitudini dei vostri clienti.

Consiglio sempre di approfondire le parole chiave del marketing, anche se fanno storcere il naso perché non suonano bene. Sono una finestra sui trend e possono aprire la strada a nuove prospettive e dare nuove idee.

Se volete saperne di più non esitate a scrivermi a Francesca@ciunilini.com